Fondali

gorgonie_gialle Il litorale ligure, che si sviluppa per oltre trecento chilometri, è molto vario. Generalmente meno aspro a ponente e' più scosceso e impervio a levante , dove le falesie rocciose scendono a picco nel mare. Il Mar Ligure è stato definito dagli esperti un oceano in miniatura, in quanto raggruppa tutti i fenomeni idrodinamici che caratterizzano le gigantesche masse d’acquea oceaniche. La Liguria sottomarina non si differenzia molto da quella terrestre; le rocce e gli stessi profili visibili in superficie si ritrovano con le loro varie forme anche sott’acqua. I fondali sono in genere rocciosi o pietrosi, ma non mancano distese sabbiose soprattutto in prossimità delle foci dei corsi d'acqua e, a maggiore profondità, piane fangose sulle quali si evidenziano affioramenti rocciosi più o meno elevati. La Liguria offre agli amanti delle immersioni sportive splendidi scenari subacquei, tanti e tali da appagare ogni grado di esperienza. Trova soddisfazione chi e' attratto dai relitti, per la presenza di quello famosissimo della superpetroliera Haven, ma anche il praticante dello snorkeling, che attrezzato di pinne e maschera intende limitarsi all’osservazione naturalistica dei fondali a pelo d’acqua. Lungo la costa falesie rocciose si alternano a spiagge creando un ambiente sottomarino ideale ad ospitare una flora e fauna ricca, varia e rigogliosa. Sottocosta a scogli isolati dove il profilo è più dolce e pianeggiante entro la batimetria dei venti metri si incontrano praterie di Posidonia oceanica, oltre i trenta fino a cinquanta metri si manifestano invece isole di substrato duro, prevalentemente colonizzate dai tipici popolamenti del Coralligeno. Questi ultimi rappresentano un notevole elemento di pregio per la biodiversità, tra gli organismi sessili da segnalare vi è la presenza dominante della Paramunicea clavata, meglio conosciuta come Gorgonia rossa, ma non mancano oltre ad altre specie di gorgonie i Poriferi, come per esempio Axinella polypoides e Spongia agaricina.

gorgonie_rosseAlghe e Briozoi concorrono alla formazione delle concrezioni calacaree; le rocce danno ospitalità a Madrepore tipo la Cladacora cespitosa, Idroidi e Molluschi. Per quanto riguarda la fauna ittica comunissimo è l’incontro con saraghi, murene, polpi, seppie, gronghi, triglie, scorfani e numerosissimi altri pesci che abitualmente vivono in prossimità del fondale. In acqua libera non è raro l’incontro con Dentici, Pagari e Pagelli. E’ comunissimo poi osservare banchi di Castagnole nere e rosse, Barracuda, specie importata che ormai sta diventando stanziale in tutto il Mar Ligure.

testo e foto: Adriano Penco fotogiornalista


Pagine Correlate