Barcellona

gaudi
Ci accoglie una strana Barcellona...

... il Tibidabo incappucciato di neve offre uno spettacolo inaspettato per questa città dal clima solitamente mite.
Il nostro percorso ci conduce al Montjuic, il colle sempre verde dove la vegetazione mediterranea si combina con specie di tutto il mondo, e poi al Park Guell. Qui le costruzioni tondeggianti e variopinte ricordano le favole dei fratelli Grimm. Facciamo qualche foto, ma non possiamo godere della bellezza del luogo, perchè il vento gelido ci ha distrutto gli ombrelli e la pioggia ci sferza il viso. Bagnati fradici e semi-congelati, raggiungiamo l'arrivo.
La sera ci rifocilliamo in un locale caratteristico della rambla, dove la cucina locale ci conquista e la crema catalana reintegra gli zuccheri consumati in marcia.
Visto il maltempo, il giorno seguente decidiamo di rinunciare alla "caminada" per visitare la città: il Barrio Gotico, origine della città, con le sue costruzioni gotico medievali, la Rambla, che rappresenta il cuore e l'anima di Barcellona, l'area del Port vell ('porto antico'), che richiama, su più ampia scala, il Porto Antico di Genova. Facciamo un sacco di fotografie alle colorate bancarelle della Boqueria, il più antico mercato d'Europa.
Apprendiamo con sollievo che in futuro la marcia catalana si terrà in ottobre, un mese più adatto per una manifestazione di walking e per godere appieno del fascino di Barcellona.

http://www.euro-senders.com/asenexba/templates/cib/index.htm